Festa della Toscana 2019 – gli appuntamenti di ISGREC, 30 novembre a Grosseto

La Toscana e la Maremma… a memoria. Tracce.

Quest’anno la festa della Toscana estende idealmente la cronologia di riferimento: le celebrazioni leonardesche richiamano l’inizio della Rinascenza; è alle porte il 50° della Regione.
 
Più che nelle passate edizioni, appare in evidenza che, seppure in forme diverse, le molte Toscane di cui si compone una regione tutt’altro che uniforme sono parte di un’unica storia culturale. Ma: quanta consapevolezza si ha della civiltà cui apparteniamo? Fin dove arriva la memoria delle radici di una tradizione culturale, che è uno degli snodi fondamentali per l’affermazione in Europa di valori universali? Domande necessarie, ma da declinare in forme adeguate al tempo presente, non per assecondare, ma per contrastare pulsioni verso chiusure identitarie. Lo si può fare con naturalezza, se si pensa che i momenti di maggiore grandezza della Toscana sono stati frutto di incroci e contaminazioni con molte e differenti alterità. Memoria e storia sono le chiavi che intendiamo usare.
 
Il presupposto: non sempre nella quotidianità si riesce a istituire un nesso fra ciò che cade sotto la nostra esperienza e il contenuto storico, i significati, il valore per l’attualità che possiedono, per esempio, toponomastica, targhe o cippi, modi di dire, nomi di persone, forme del paesaggio… Compito che affidiamo a questo progetto: investire i giovani del ruolo di suscitatori di memoria, una volta acquisite le necessarie conoscenze, per restituire diffusamente quel che il loro lavoro produrrà.
 
I beni culturali nel corso degli anni sono stati riserva di suggestioni per dare alla festa della Toscana le basi utili ad alimentare memoria del passato, richiamato dalla data del 30 novembre. Nel 2019 lo sono in misura maggiore: la biblioteca di Mario Mirri, studioso dell’età lorenese, attento soprattutto al primo fra i riformatori, Pietro Leopoldo, sta per entrare per sua volontà nel patrimonio librario dell’ISGREC. Così daremo un significato speciale alla ricerca su storia e memoria: scuola e comunità locale saranno coinvolti nell’esplorazione di questo nuovo giacimento.
 
A storici che hanno condiviso con Mario Mirri studi importanti sulla Toscana moderna è affidata l’apertura di un ciclo di incontri di lavoro, dentro e fuori dalla scuola, a Grosseto e a Cinigiano. A studenti e insegnanti, il compito iniziale di mostrare al pubblico quello che negli anni la scuola grossetana ha prodotto, grazie a un’interpretazione non solo celebrativa del calendario civile regionale, secondo quella che per l’ISGREC è una tradizione consolidata.

 

PROGRAMMA
 
Ore 10 | Aula magna del Polo Universitario grossetano (Via Ginori 43)
 
Gabriella Papponi Morelli, Presidente del Polo Universitario grossetano
Saluto
 
Elena Vellati, ISGREC
Festa della Toscana 2019. In linea con la tradizione, un lavoro per la scuola a Grosseto e a Cinigiano
 
Luciana Rocchi, ISGREC
Maremma e Toscana nella produzione di quattro anni di lavoro dell’ISGREC per la Festa della Toscana
 
Studenti della classe 3°- Scuola Media di Cinigiano
Il nostro paesaggio
 
Studenti dell’ISIS Leopoldo II di Lorena di Grosseto
Storie e luoghi della Maremma lorenese
 
 
Ore 16,30 | Sala Mirto Marraccini, BancaTEMA (Corso Carducci 14)
 
Rappresentante della Direzione di BancaTEMA
Loriano Valentini, Direttore dell’ISGREC
Leonardo Marras, Consiglio Regionale della Toscana
Romina Sani, Sindaco del Comune di Cinigiano
Saluti
 
Elena Vellati, ISGREC
Introduzione
 
Giuliana Biagioli, Università di Pisa
Mario Mirri e la “Scuola pisana”: un contributo alla comprensione delle specificità della Toscana
 
Franco Angiolini, Università di Pisa
La biblioteca di Mario Mirri: il valore di un bene culturale per la conoscenza della Toscana.
 
Luciana Rocchi, ISGREC
Conclusioni